archivio

Scienza e società

La clonazione è la riproduzione asessuata naturale o artificiale di un organismo vivente o di una singola cellula. In Cina avvenne la prima clonazione di due scimmie poiché geneticamente omogenee. Prima d’ora ogni tentativo fu fallimentare, le cellule differenziate possedevano nuclei con geni che ne impedivano lo sviluppo dell’embrione. Questo è considerato l’ultimo passo prima della clonazione umana, definita ”minaccia per il futuro dell’uomo” sui temi della bioetica. I cloni sono stati ”creati” dal trasferimento del nucleo di una cellula dell’individuo ‘da copiare’ in un ovulo non fecondato e privato del suo nucleo. La loro nascita è stata annunciata sulla rivista <Cell> dall’ istituto di neuroscienze dell’accademia cinese che apre la possibilità di ridurre il numero di primati usati nella sperimentazione animale. La chiesa non potrà mai essere d’accordo con l’ormai imminente clonazione umana, essa finora non ha espresso una condanna esplicita bensì ha lasciato la valutazione responsabile agli scienziati. Molti considerano la clonazione un passo avanti per la medicina, per lo sviluppo di nuove cure e un nuovo modo per evitare i problemi di riprogrammazione genetica, d’altro canto ci si preoccupa perché potrebbero essere sollevati diversi problemi etici essendo le scimmie esseri così simili a noi.

Alessia Lombardo 3°D

Annunci